Viene prima l’uovo o la gallina

Ciao Golfista Vincente,

È un periodo molto intenso per me sotto molti punti di vista. Sono estremamente felice del lavoro che svolgo e dei risultati che sto ottenendo nel supportare golfisti come te.

Si è da poco concluso il The Player Championship, gara del PGA Tour che viene considerato il quinto Major.

Ad aggiudicarselo è stato Scottie Scheffler con una prestazione magistrale. Non voglio parlare della gara, desidero condividere con te le parole che Scottie ha rilasciato durante una conferenza stampa.

Mi hanno profondamente impressionato e più le ascolto più mi rendo conto di come siano in piena sintonia col mio metodo Golfista Vincente e di come quelle semplici parole possano far svoltare le prestazioni di tantissimi golfisti.

La mia missione è proprio quella di offrire a sempre più golfisti possibile delle prospettive che non hanno finora considerato e il considerarle diventa un carburante incredibilmente potente per tutto il loro Essere al punto da trasformare il loro atteggiamento in campo e come conseguenza il loro gioco nella sua interezza.

Clicca qui per vedere l’intervista e ti riporto di seguito la traduzione:

“Intervistatore: Non so se sono i tuoi genitori, le tue sorelle, qualunque cosa sia che ti tengono così con i piedi per terra in quel modo in cui non ti accontenti mai?

Scottie: Beh, penso che sia un bel complimento. Quindi grazie. Cerco di non entrare troppo in quello che facciamo qui. Penso che tu sappia che lo attribuisco per la maggior parte alla mia fede, ma ho anche ricevuto un’ottima educazione da genitori fantastici, ho una moglie fantastica, abbiamo grandi amici a casa. E sono circondato da un sacco di persone a cui non importa molto se ho vinto o meno l’ultima volta. Festeggeremo, ma alla fine della settimana, sai, se avessi marcato un 75 la domenica, penso che il lunedì sarebbe stato molto simile a come è stata questa settimana, a parte forse qualche messaggio di testo in più nel mio telefono che avrei ricevuto, ma alla fine la vita va ben oltre il semplice punteggio di golf e questa è solo una piccola fase della mia vita. Capita di essere di fronte a un pubblico, ma a parte questo, la mia casa è molto più importante per me di ciò che accade là fuori

Queste parole esprimono l’atteggiamento da Golfista Vincente come lo intendo io. Sono fonte di ispirazione per tutti i golfisti e sportivi.

Andiamo per ordine e analizziamo i vari passaggi del discorso di Scottie.

Per prima cosa ti faccio una domanda:

“A cosa attribuisce, secondo te, Scheffler la sua capacità di vincere e allo stesso tempo di avere i piedi per terra e di non accontentarsi mai?”

Forse questa capacità dipende dal duro e costante allenamento che fa o forse dipende dalla sua qualità di colpitore di palla o forse ancora dalla sua fame di vittoria.

Come puoi osservare Scottie non ne cita nessuna, anzi fa riferimento ad aspetti al di fuori del golf: la sua fede, la sua famiglia, sua moglie, gli amici.

Ti dice nulla questo?

A me personalmente mi arriva il messaggio che le qualità che gli permettono di vincere e restare coi piedi per terra non riguardano la tecnica o la tattica, sono qualità umane, che provengono dalla sua famiglia di origine, da quella attuale e dalle persone più care.

Scottie Scheffler porta in campo la persona, l’essere umano e vince soprattutto grazie a quello!

Andiamo avanti perché ci sono ancora tanti passaggi interessanti. Scottie dice: “E sono circondato da un sacco di persone a cui non importa molto se ho vinto o meno l’ultima volta”

Se vuoi godere delle vittorie e riuscire a gestire le sconfitte circondati di persone che danno il giusto valore alla sconfitta.

E tu quante persone hai intorno a te alle quali “non importa molto se hai vinto o meno l’ultima volta?”

Scottie continua e afferma: “la vita va ben oltre il semplice punteggio di golf e questa è solo una piccola fase della mia vita”

Insomma, sentirlo dire da lui fa un certo effetto. Per lui, come per tutti i professionisti, lo score ha una certa importanza: passare o non passare i tagli ha un effetto diretto sui compensi e quindi sul suo stile di vita.

Pensi forse che Scottie l’abbia detto con troppa leggerezza, in fondo in fondo non lo pensa neanche lui?  Non credo proprio…

L’ultima frase è significativa: “la mia casa è molto più importante per me di ciò che accade là fuori”. Rende bene l’idea di come il valore della famiglia e del focolare domestico vengano prima del golf.

A questo punto so cosa stai pensando “Belle parole, ma sarei capace anch’io a pronunciarle se avessi vinto le decine di milioni di dollari che ha vinto Scheffler. Troppo facile nella sua condizione!”

È qui che ti volevo e questo è il punto nodale di tutta la questione.

È vincere che ti permette di pensare, sentire e dire certe cose oppure è pensare, sentire e dire certe cose che ti permette di vincere?

Eccoci arrivati al dilemma dell’uovo e della gallina.

Chi viene prima?

Non ho la verità, al massimo ho la mia verità che a volte cambia.

Sono convinto che prima viene chi sei e poi quello che ottieni, soprattutto nello sport e nel golf in particolare.

Lo score – nel lungo periodo – è innanzi tutto la rappresentazione dei tuoi pensieri e delle tue emozioni, ovvero del tuo stato dell’essere. Io lavoro su quest’ultimo con i miei golfisti.

Questo vuol dire che lo score non ha valore? Certo che no, ne ha molto. Lo score è uno dei mezzi che ti permette di far luce su chi sei, sui tuoi pensieri, sulle tue emozioni.

Vivendo e sperimentando certi valori, certi pensieri ed emozioni giochi meglio e ti concedi maggiori possibilità di vincere e se non vinci hai molte più possibilità di trovare significato e senso dalla prestazione e trarre motivazioni per andare avanti.

Poi ci sarebbe un discorso a parte sulla Fede… lo teniamo per un’altra occasione.

Se vuoi diventare anche tu un Golfista Vincente non perdere l’occasione di partecipare al corso in presenza che ho organizzato il 3 giugno al Golf Club Le Fonti.

Sarà l’occasione perfetta per sperimentare il mio metodo e dare la svolta definitiva al tuo golf che da tempo stai cercando

Per saperne di più clicca qui

Colgo l’occasione per augurarti una Serena Pasqua

Swing your mind

Andrea Falleri

Il tuo golf mental coach

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

compra il libro