E se non fosse un caso

Ciao Golfista Vincente,

Nelle ultime settimane mi sono accaduti due eventi che mi hanno fatto riflettere su quale impatto può avere la mente sullo score e non solo.

Desidero condividerteli proprio così come mi sono capitati.

Il primo risale a mercoledì 22 novembre scorso, giornata in cui è uscito il mio ultimo articolo della newsletter.

Nel primo pomeriggio del 22 novembre ricevo un messaggio su WhatsApp da parte di un golfista vincente che collabora con me da un paio d’anni e che mi scrive:

“Ciao Andrea… lo sai che ti voglio tanto bene, sì??”

Ero indaffarato, lo leggo al volo ma non ho il tempo materiale di rispondere e nemmeno di capire esattamente cosa intendesse.

Di lì a breve mi manda un vocale.

Gli ho chiesto il permesso di condividerlo perché è davvero incredibile. Lo trovi qui di seguito – dura 38 secondi:

In sintesi, lui ha ricevuto e letto, di prima mattina, l’articolo che ho scritto in newsletter – se te lo sei perso clicca qui “Una questione di prospettiva” – mentre si stava recando a fare una gara e guarda caso è stato capace di realizzare 41 punti stableford!?! Fantastico!

Vedi cosa può fare la mente quando si allinea su certe frequenze.

Il secondo evento è di qualche giorno prima, il 15 novembre quando sono andato a fare una sessione in campo con un altro golfista vincente al Golf Club Le Fonti.

Alla fine della sessione di lavoro ho avuto un flash e senza pensare ho chiesto a Sergio – questo è il suo nome – se fosse stato disponibile a rilasciarmi una video testimonianza.

Lui ha gentilmente acconsentito e senza prepararsi in pochi minuti ha registrato la video testimonianza che puoi vedere questo cliccando qui.

Puoi comprendere come un buon lavoro sull’aspetto mentale ha risvolti sia sul gioco l’handicap ma anche, e forse soprattutto, su aspetti della vita personale che, per qualsiasi golfista professionista o meno contano, valgono tanto quanto lo score.

Se mi segui da un po’ di tempo sai che questi non sono casi sporadici ma che con continuità sempre più golfisti raggiungono risultati extra-ordinari grazie a Golfista Vincente, il primo e unico metodo di golf mental coaching in Italia.

La stagione golfista volge al termine e questo è il periodo ideale per dedicare tempo all’aspetto tecnico, ma soprattutto a quello mentale per poi raccogliere i frutti a partire dalla primavera.

Se vuoi migliorare il tuo golf e ottenere i risultati che meriti rispondi a questa mail e chiedi di essere contattato, ti spiegherò cosa posso offrirti e come lavoreremo insieme.

Ci sentiamo la settimana prossima per l’ultima newsletter dell’anno, non perdertela!

Swing your mind

Andrea Falleri

Il tuo Golf Mental Coach

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

compra il libro